Torna alla lista

26-7-2017
Ancora asta record a Laurenzana “Numeri da primato quelli della XXI^ Asta dei Torelli di razza Podolica a Laurenzana presso il Centro di Selezione”
Difficile immaginare, dopo il grande successo di sempre ed in particolare dello scorso anno, in occasione dell'importante traguardo raggiunto con il ventennale dell'Asta torelli, di confermare i numeri da primato riscontrati in quella manifestazione.

Eppure le cifre di quest'anno parlano chiaro: superato il numero annuale di torelli conferiti dagli allevatori per le prove di performance, capi provenienti dagli allevamenti lucani e dalle altre regioni meridionali,32 sono stati i soggetti iscritti a catalogo dell'asta che hanno superato i test di performance e di questi uno (presentato dall'azienda Porcellini Vittorio di Stigliano) ha raggiunto il prezzo record battuto all'asta di 5.100,00€, prezzo straordinario per un soggetto di questa razza e che è emblematico del grande lavoro di miglioramento genetico effettuato sulla podolica, “patrimonio” del territorio meridionale.

Il tutto in una cornice di pubblico straordinaria con la partecipazione di centinaia e centinaia di allevatori di bovini podolici accorsi alla manifestazione, provenienti oltre che dalla Basilicata, anche dalla Calabria, dalla Campania, dalla Puglia e dall'Abruzzo; dato anche questo che è andato oltre ogni rosea aspettativa.
In sintesi questi i numeri dell'annuale appuntamento dell’Asta dei Bovini Podolici, tenutosi martedì scorso, presso il Centro di Selezione Torelli di Laurenzana (PZ), struttura gestita dall’ANABIC (Associazione Nazionale Allevatori Bovini Italiani da Carne) e dall'Associazione Regionale Allevatori della Basilicata.

L’asta è stata preceduta dal saluto da parte delle autorità intervenute. A fare gli onori di casa Palmino Ferramosca, Presidente dell'A.R.A. Basilicata, il quale si è complimentato con gli allevatori per la loro massiccia partecipazione, sottolineando come il miglioramento della razza, evidenziato dalla qualità dei soggetti presentati in asta, sia frutto del lavoro costante e quotidiano svolto sul territorio da tutto il personale del Sistema Allevatori; miglioramento che deve proseguire sempre più in maniera proficua. Il presidente ha poi rimarcato la vicinanza della Regione Basilicata al mondo allevatoriale podolico per il ruolo che l’allevamento ricopre non solo da punto di vista economico e produttivo, che si distingue anche per la qualità e tipicità delle produzioni, ma anche per il ruolo di salvaguardia e tutela del territorio.
Sono seguiti gli interventi di: Marco Imundo, Assessore all'Agricoltura del Comune di Laurenzana, che ha portato il saluto del sindaco e Rocco Pafundi, Consigliere A.N.A.B.I.C. nonché componente del comitato direttivo dell'ARA della Basilicata, che ha espresso apprezzamento per la funzione che svolge il Centro di Selezione di Laurenzana.

Si è poi passati alla presentazione dei torelli messi all’asta condotta, come sempre, in maniera ineccepibile dal Direttore dell’Associazione Nazionale Allevatori Bovini da Carne Roberta Guarcini.
Massima soddisfazione per il buon esito della manifestazione è stata espressa da Augusto Calbi, Direttore dell'ARA Basilicata, che ha voluto rivolgere il suo “grande apprezzamento a tutto il personale dipendente e convenzionato dell'ARA per l'impegno profuso nell'occasione e per l'importante e qualificato lavoro di consulenza tecnica svolto quotidianamente, con grande professionalità negli allevamenti lucani”.

I lavori sono stati presenziati da Luca Braia, Assessore del Dipartimento Politiche Agricole e Forestale della Regione Basilicata che ha dichiarato:
“Una giornata straordinaria con centinaia di allevatori di Basilicata, ma anche provenienti dalle regioni vicine, segno tangibile del grande interesse per la qualità della razza podolica, di cui siamo la prima regione d’Italia con circa 20mila capi allevati, e per l'economia potenziale che può generare per il comparto zootecnico, presso il Centro Selezione Tori punta di orgoglio della zootecnia lucana, ed anche del grande lavoro sul miglioramento genetico della razza per eccellenza appartenente al nostro territorio e che dobbiamo promuovere e valorizzare.
L’attività di miglioramento genetico riguarda oggi anche la pecora merinizzata, splendido esemplare, la cui prima asta si svolgerà entro la fine di questo 2017. Ho avuto, per il secondo anno - conclude l’Assessore Braia - l’opportunità di vedere e toccare con mano l’entusiasmo, la partecipazione, la passione e l’amore per i bovini di razza podolica, ormai riconosciuti tra le migliori razze italiane e sempre più richieste per la straordinaria carne e per il pregiatissimo latte da cui si produce l'eccellenza tra i formaggi di Basilicata che è rappresentata dal caciocavallo podolico. Doveroso il ringraziamento mio e del Dipartimento Agricoltura all'Associazione Regionale Allevatori per la qualità dei servizi e dell'organizzazione che sono capaci di mettere in campo, sempre dimostrando grande attenzione al benessere animale.”


del 26-7-2017  |  Collegamento ipertestuale non presente  |  Allegato non presente