La salute dell’agnello e la gestione sanitaria basata sulla prevenzione

La tutela della salute dell’agnello, inizia ancor prima della sua nascita, con attenzioni verso la madre.

Ieri sera il primo dei due incontri organizzati da ARA Basilicata sul tema: “La salute dell’agnello e la gestione sanitaria basata sulla prevenzione”. Una platea numerosa, composta da tecnici e da tanti giovani allevatori, riunitisi a Marsico Nuovo per assistere alle relazioni di Pietro Antenucci, tecnico esperto di MSD Animal Health Srl, e di Nicoletta D’Avino dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Umbria e Marche.

IL dott. Antenucci, in modo molto comunicativo e diretto ha puntualizzato che “Il tema della prevenzione sanitaria sarà sempre più importante nel futuro dell’allevamento ovi - caprino che dovrà adeguarsi come hanno già fatto altri settori zootecnici, all’evoluzione della normativa in tema di salute animale e quella dell’uomo e alle richieste di un consumatore sempre più attento ed esigente.

La tutela della salute dell’agnello, inizia ancor prima della sua nascita, con attenzioni verso la madre. È fondamentale per questo motivo predisporre nella seconda parte della gravidanza un programma alimentare differenziato per le pecore gravide rispetto alla restante parte del gregge ed attuare i programmi di profilassi sanitaria necessari per proteggere poi gli agnelli tramite il colostro.

Altro aspetto molto importante è quello di preparare un ambiente “idoneo” ad accogliere gli agnelli che nasceranno, il che vuol dire semplicemente un ambiente pulito, asciutto, e con una giusta densità di animali. In poche parole prevenire tutto quello che è prevedibile, questo è il vero concetto della prevenzione”.

Questa sera si replica a Stigliano.

26/10/2021