Dibattito aperto sull’allevamento Ovicaprino

Anche a Stigliano il tema di discussione è stato “La salute dell’Agnello”

Molti gli allevatori presenti, ed anche qui molti giovani, insieme anche alcuni trasformatori locali di latte ovicaprino oltre a tecnici e veterinari.

La relazione della dott.sa Nicoletta D’Avino dell’IZSUM (Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Umbria e Marche) è stata particolarmente apprezzata perché espressa in modo diretto e carica di indicazioni operative legate al nostro territorio. “La corretta gestione degli aspetti sanitari di un allevamento, da detto la dott.sa D’Avino, si deve oggi giorno basare sul concetto di prevenzione e di biosicurezza.

Nel tempo ci siamo specializzati nella definizione di un corretto approccio diagnostico che resta uno dei capisaldi del nostro lavoro quotidiano, ma è necessario trarne le informazioni sanitarie che ne derivano e utilizzarle per applicare tutte quelle azioni che ci portano sulla strada della prevenzione. Scegliamo in quest'occasione di parlare di coccidiosi sia perché è una malattia di origine parassitaria ubiquitaria che colpisce gli animali giovani, provocando importanti perdite economiche, sia perché la sua gestitone non può prescindere dal mettere in campo azioni terapeutiche e soprattutto di controllo dell'ambiente in cui sono stabulati gli animali. Un ottimo spunto di discussione per cominciare a parlare insieme di prevenzione”.

Il dibattito si è poi sviluppato sulla particolare congiuntura di mercato che vive la zootecnia in generale per l’aumento indiscriminato dei prezzi delle materie prime ed in particolare il comparto ovicaprino che paga anche le conseguenze di un settore troppo legato ai sistemi territoriali, ambientali e alle modificate tendenze alimentari. Un grido di allarme ma anche uno stimolo al potere decisionale di sostenere con forza il comparto della pastorizia che è quello che maggiormente è in sintonia con il rispetto e la tutela ambientale essendo un settore ad inquinamento zero e di massima garanzia sul fronte della sicurezza alimentare.

27/10/2021